Masse d'aria fredda di origine settentrionale oceanica, andranno ben presto a costituire linfa vitale nel consolidamento di una figura importante di BASSA pressione che terrà sotto scacco il tempo del bacino centrale ed occidentale del Mediterraneo, laddove andranno a concentrarsi gli episodi di instabilità portati dal passaggio di alcuni sistemi nuvolosi. Nell'ambito dello stivale italiano, saranno soprattutto le regioni del nord ed i versanti tirrenici a beneficiare dell'arrivo della PIOGGIA che andrà in parte ad alleviare il deficit idrico di queste settimane.

Come anticipato, una depressione dapprima organizzata come una vera e propria SACCATURA, poi tendente ad evolvere in cut-off, cioè in un minimo ciclonico "chiuso" che compierá scarsi movimenti sul Mediterraneo, poiché sganciato dal flusso portante della corrente a getto. Una sequenza di eventi già vista e rivista numerose volte nel recente passato, un gioco che questa volta manterrà attive sin verso il termine di marzo, condizioni di tempo INSTABILE sul Mediterraneo centrale.

Un primissimo corpo nuvoloso attraverserà il nostro Paese tra mercoledì 22 e giovedì 23 marzo, portando con sé precipitazioni addossate alle regioni settentrionali ed al versante del medio Tirreno, laddove riscontreremo quindi le condizioni atmosferiche peggiori. Una seconda "scodata" di pioggia tornerebbe poi ad interessare le regioni occidentali nel weekend tra sabato 25 e domenica 26 marzo.

In tutto questo il profilo delle temperature sarà forse l'aspetto meno interessante, dato lo scarso apporto d'aria fredda all'interno della depressione, queste ultime saranno soggette ad una flessione piuttosto contenuta che tuttavia sarà sufficiente a riportarle VICINE alle medie stagionali. Una riduzione più sensibile dei valori potrebbe fare capolino al NORD con l'inizio della prossima settimana, stante una maggior ingerenza delle masse d'aria fredde di origine artica dal nord Europa. (da confermare)


 Torna alle notizie

Guarda Meteolive in versione COMPLETA