Viene dagli aggiornamenti serali CONFERMATO un episodio di tempo INSTABILE sul bacino centrale del Mediterraneo entro il prossimo fine settimana. Aria fredda di origine artica andrà a confluire all'interno di una circolazione depressionaria prevista stabilire il proprio perno sulla Francia, condizionando il tempo del nostro stivale. L'Italia ricadrà lungo il lato ascendente della saccatura e tornerà pertanto a sperimentare condizioni di tempo instabile.

Le regioni settentrionali ricadranno in modo più deciso all'interno dell'aria fresca convogliata dalla stessa depressione, verranno favorite condizioni marginali di instabilità in un contesto che non dovrebbe comunque prevedere episodi severi di maltempo.

Le regioni centrali e parte di quelle meridionali verranno invece a trovarsi nella zona di confluenza tra lo Scirocco ed i venti freschi di Libeccio/Maestrale, qui saranno possibili episodi temporaleschi anche di forte intensità soprattutto nella notte tra sabato e domenica. Le regioni più a rischio fenomeni intensi saranno la bassa Toscana, il Lazio e la Campania. 

Volgendo lo sguardo al tempo della prossima settimana, l'aria fresca guadagnerà terreno sul Mediterraneo ed andrà ad interessare con maggiore decisione il nostro Paese, raggiungendo anche le regioni meridionali. Qualche episodio di instabilità si farà vivo al nord e lungo la fascia tirrenica, senza alcuna particolare enfasi. Tra lunedì 18 e martedì 19 ritocco verso il basso delle temperature su tutto il Paese, con valori sotto la media soprattutto al nord

Uno sguardo a LUNGO TERMINE conferma ancora una circolazione irrequieta, fatta di nuove depressioni che tenteranno un approccio all'Europa in seno ad un flusso di correnti nord-occidentali

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it
 


 Torna alle notizie

Guarda Meteolive in versione COMPLETA