Le ultimissime mappe del tempo relative soprattutto agli accumuli previsti tra venerdì e lunedì segnalano accumuli di pioggia piuttosto importanti su alcune regioni. Per questo abbiamo deciso di stilare una sorta di "mappa del pericolo" di fenomeni abbondanti e potenzialmente pericolosi.

Come vedete, in rosso ci sono Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Umbria e Lazio, ma anche altre regioni risultano al limite come la Lombardia, dove il rischio maltempo viene stimato generalmente moderato ma con picchi di pioggia più rilevanti su alcuni settori regionali, tra nord ed est della regione, così come su diverse zone del Trentino Alto Adige, specie nelle vallate alpine superiori.
 
Molto meno importante appare la fenomenologia su altre zone come Piemonte, Valle d'Aosta, Sardegna ed Abruzzo, che dovrebbe risultare sottovento per gran parte del periodo, almeno sino a lunedì mattina.

Il rischio moderato sulla Campania è invece un po' sovrastimato sino a domenica perché tutto dipenderà da quanto le celle temporalesche riusciranno a spingersi verso sud, per i modelli poco, per noi forse un po' di più, mentre per lunedì probabilmente i temporali potranno risultare più intensi.

Qui di fianco ci sono le mappe che possono aiutarvi a fare un raffronto e un'idea personale su quanto potrebbe piovere e si riferiscono agli accumuli previsti tra venerdì e la mattinata di lunedì sul nostro Paese "letti" dal modello americano ed europeo.

Le correnti da sud ovest spesso lasciano in ombra talune zone sottovento, mentre penalizzano con piogge anche battenti quelle sopravento, come ad esempio il Friuli Venezia Giulia.

Incerta peraltro anche la "sorte" della Liguria, la segnalazione di debole maltempo potrebbe trasformarsi in moderata, o addirittura localmente forte in caso di singole celle temporalesche in formazione sul mare e poi in "atterraggio" sulla terraferma con impatto tutt'altro che trascurabile.

Dunque tutto ciò che viene mostrato ed enunciato non è mai verità certa ed assoluta, ma considerazioni utili a formulare meglio una previsione.
 


 Torna alle notizie

Guarda Meteolive in versione COMPLETA