Irrompe il Buran sull'Italia. Gelo al nord, forte maltempo e nevicate al centro-sud! Le ultimissime

Allerta meteo/ Come ampiamente previsto il Buran sta facendo il suo ingresso sull’Italia in queste ore, attraverso la “porta orientale”, ovvero quella di Trieste dopo aver superato le Alpi Dinariche. 

L’aria gelida di origine siberiana, che avrà come obiettivo principale l’Europa centrale nei prossimi 3-4 giorni, sta scatenando già i primi chiari effetti sulla nostra  penisola, specie al nord Italia dove la Bora ha raggiunto i 130 km/h provocando molti danni e disagi.

L’aria gelida siberiana, molto densa e pesante nei bassi strati, sta sollevando l’aria umida e più calda presente in pianura Padana determinando nuvolosità estesa e anche nevicate fino in pianura, dal Veneto fino al Piemonte. Fiocchi sono stati segnalati anche in Liguria e Toscana, tra Genova e Pistoia. Dopo questo passaggio, molto rapido, tornerà il sereno su tutto il nord, eccezion fatta per locali settori piemontesi occidentali e per la Romagna.

CENTRO-SUD SOTTO IL MALTEMPO 

L'aria gelida siberiana apporterà condizioni di forte maltempo sulle regioni del centro-sud nel corso delle prossime ore e dei prossimi giorni a causa di due distinte situazioni : l'ASE (Adriatic Snow Effect) e i vortici di bassa pressione.

L'aria molto fredda, scorrendo sul più tiepido mar Adriatico, darà origine al fenomeno dell'ASE, ovvero la formazione di nubi cariche di neve in mare che vanno ad addossarsi lungo le regioni adriatiche, dalla Romagna alla Puglia. Questo fenomeno porterà nevicate sin sulle coste, tra stasera e martedi, su Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Gargano. Forti nevicate potranno colpire le province di Ancona e Ascoli, con accumuli anche superiori ai 30 cm sulle coste.

Contemporaneamente l'aria fredda siberiana, gettandosi anche nel mar Tirreno, darà vita ad un vortice di bassa pressione nel corso del tardo pomeriggio odierno il quale tenderà subito ad approfondirsi poco a sud del Lazio. Questa bassa pressione apporterà nevicate diffuse sino a quote bassissime su Toscana meridionale (tra oggi pomeriggio e prime ore della sera), sul Lazio ( tra stasera e le ore notturne, anche a Roma, con possibilità di accumulo di 5-10 cm), sull'Umbria (stasera), sulla Sardegna settentrionale (stasera e domani mattina oltre 400 metri), sul Molise (tarda serata odierna e ore notturne), Campania (nella notte e prime ore di domani mattina), Basilicata (tra la notte e domani mattina), Puglia centro-settentrionale (domani mattina e pomeriggio, possibile anche a Bari) e Calabria settentrionale (domani fino a 400 metri). I fiocchi di neve potranno giungere anche alle porte di Napoli. Maltempo anche su Calabria meridionale e Sicilia tra oggi e martedi, ma con neve oltre i 700-800 metri di quota.

Tra martedi pomeriggio e mercoledi mattina aumentano le possibilità di nuove forti nevicate al sud, specie tra Puglia, Basilicata e Calabria, a causa di un'altra bassa pressione che giungerà dal nord Africa e che scorrerebbe sul gelo siberiano situato nei bassi strati Questa nuova fase nevosa, tuttavia, è ancora un'ipotesi e richiede conferme nei prossimi aggiornamenti.

 


 Torna alle notizie

Guarda Meteolive in versione COMPLETA